Cosa ne sarà di me (e delle mie poppe!)

Cari Dottori, a volte, non potete lasciare alla paziente la scelta su “quali poppe rifarsi”,
perchè la paziente è psicologicamente confusa. Decidete per lei, e con lei. In fin dei conti i Dottori siete voi.

Dopo continui ripensamenti il chirurgo ha deciso che non si può salvare neanche un pezzettino di poppa.
Perchè se possono venire due tipi di tumore al seno, bè io li ho tutti e due.
Il primo è un nodulo, un carcinoma infiltrante, il secondo sono una serie infinita di calcificazioni di dubbia natura.
Bene, si parla di togliere almeno una striscia di 6 cm. di larghezza di poppa.
Quindi il chirurgo dice: “se non la tolgo tutta non garantisco il risultato medico (aver tolto la malattia) nè quello estetico (ricostruzione della poppa decente)”.
Per cui mi ha proposto tre ipotesi di ricostruzione del seno.

Ecco qua le tre proposte:

1) Si taglia il muscolo dalla pancia con i vasi sanguigni aperti e si ricollegano ai vasi sanguigni della poppa.
Il risultato è strepitoso, sia per sensibilità che per morbidezza, ma l’intervento dura dieci ore è invasivo a 2000 e non garantisce la riuscita.
Numero di interventi: 1
Durata intervento: intorno alle 10 ore
Numero di cicatrici: 1 enorme che attraversa tutta la pancia; alla poppa un numero non ben definito, ma enormemente grandi.
Numero di poppe coinvolte:1

2) Si taglia la poppa, si alza il muscolo pettorale e si inserisce un distensore del muscolo che andrà gonfiato per tutto il prossimo anno fino a raggiungere la taglia desiderata. Dopo un anno si sostituisce con una protesi e si chiude lì. L’altra poppa verrà diminuita e ritirata su per pareggiare la “nuova” poppa.
Numero di interventi: 2
Durata intervento: non meno di 4 ore
Numero di cicatrici: 5 (tre alla poppa di DX e due a quella di SX)
Numero di poppe coinvolte: 2

3) Si taglia la poppa e poi si cuce una retina di titanio sul muscolo pettorale. Sotto si inserisce la protesi. Si ricuce e non si interviene più.
Numero di interventi: 1
Durata intervento: meno di 2 ore
Numero di cicatrici: 1
Numero di poppe coinvolte: 1

Voi quale scegliereste?

Bè, io ho 36 anni e ho scelto la terza opzione.
Niente scorticamento della pancia, niente Pamela Anderson del giorno dopo.
Ho scelto di restare me stessa.
Ho scelto l’intervento meno invasivo di tutti, ho scelto di non toccare una poppa e garantirmi almeno su questa la sensibilità e la morbidezza che madre natura mi ha donato.
Perchè sinceramente, non ce la farei ad arrivare a 80 anni con le poppe ritte.
Siamo fatti di ciccia. Invecchiare fa parte dei nostri compiti.
E purtroppo viviamo in un mondo fatto di artefici, nel quale la società ci richiede di essere belli oltre misura.
Cara società, io sono bella perchè sono viva.
Fanculo alle tue poppe ritte.
Chi mi vuole amare mi amerà ugualmente.
Anzi, forse di più.
😉

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: